I Vigneti

Per ottenere un vino di qualità sono indispensabili uve di qualità. La frase può apparire banale, ma dietro al semplice grappolo d’uva c’è molto più di quanto si pensi … Vi presentiamo in questa sezione alcune informazioni sui nostri vigneti, le nostre uve e la nostra attività di vignaioli.

L'Area

Il Canavese, terra di origine dei vini Erbaluce di Caluso e Canavese DOC, è una zona del Piemonte situata a Nord di Torino presso i confini con la Valle di Aosta. È una delle più antiche aree viticole del Piemonte. Già al tempo dei Romani vi era praticata la coltura della vite.

I terreni, che sono principalmente collinari, hanno origine morenica, ovvero derivano dall’ammasso di detriti dovuto all’avanzamento dei ghiacciai preistorici. Si tratta quindi di terreni molto antichi e di natura sabbioso – ciottolosa. Il pH è acido o sub acido con scarsa ritenzione acquosa.

Il clima è caratterizzato da inverni rigidi e da estati calde. La scarsità delle piogge e l’elevata escursione termica giornaliera del mese di settembre creano le migliori condizioni per la maturazione ottimale dell’uva.

La Viticoltura

La viticoltura in Canavese ha origini molto antiche e si è sempre basata sulla coltivazione di vitigni locali.

L’adattamento della coltura della vite alle condizioni climatiche ed ai vitigni autoctoni ha dato luogo all’adozione di forme di allevamento specifiche, prima fra tutte la Pergola Canavesana.

Si tratta di una forma di allevamento espansa resa necessaria dall’elevata vigoria dei vitigni locali. La sua cura richiede molto lavoro da parte di mani esperte. Le operazioni di potatura, potatura verde e vendemmia vengono eseguite interamente a mano.

Vitigni a Bacca Bianca

L’Erbaluce è un vitigno a bacca bianca molto vigoroso che si ritiene discenda dal Greco. Presenta una buccia molto spessa che le conferisce una notevole serbevolezza (conservabilità), condizione ideale per l’appassimento.

In particolari terreni il vino ottenuto presenta specifiche caratteristiche di acidità e freschezza che lo rendono ideale per la spumantizzazione.

Presso la nostra azienda l’Erbaluce viene allevata rigorosamente in impianti a pergola con una densità di impianto di 2000 ceppi per ettaro.

Vitigni a Bacca Rossa

Fra i vitigni che vengono coltivati in Canavese con eccellenti risultati vi sono: il Barbera, il Nebbiolo, il Freisa ed altri vitigni strettamente locali come il Neretto di San Giorgio.

Tale vitigno, oggi meno diffuso a causa della produttività limitata ed incostante, offre vini profumati e di pronta beva.

Presso la nostra azienda i vitigni a bacca rossa vengono allevati con un sistema a pergoletta o a controspalliera a seconda delle caratteristiche microclimatiche specifiche di ciascun appezzamento.

La densità di impianto è in media di 5000 ceppi ad ettaro per i vigneti a controspalliera e di 2500 per i vigneti coltivati a pergoletta.

I Vigneti

I nostri vigneti vengono curati personalmente dai titolari con l’impiego delle tecniche più avanzate di lotta biologica e nel rispetto delle normative più restrittive per la tutela dell’ambiente e della salute dei consumatori.

Nella foto è illustrato il vigneto Misobolo, che si trova a San Giorgio Canavese ed è coltivato interamente ad Erbaluce. Dalla selezione delle sue uve ha origine il nostro Erbaluce di Caluso DOC Misobolo.

La posizione del vigneto, addossata alla collina ove sorge il Santuario di Misobolo, garantisce un’ottima esposizione ed un ottimo riparo dalle gelate invernali. Inoltre, la composizione del terreno conferisce una particolare sapidità al vino prodotto.

Il vigneto ha un’estensione di 2 ettari e vi sono coltivati circa 2000 ceppi/Ha per l'Erbaluce, mentre, 5000 ceppi/Ha per le varietà a bacca rossa. L’impianto, effettuato da Remo Falconieri, è a pergola alta doppia e risale agli anni ‘70.
L’altitudine è di 320 m e l’ esposizione sud-sudovest.

  • L'Area
  • La Viticoltura
  • Vitigni a Bacca Bianca
  • Vitigni a Bacca Rossa
  • I Vigneti